Nel 2030 il trasporto sostenibile supererà quello con l’auto privata

Il 2030 segnerà una svolta per la mobilità sostenibile nelle città più grandi del mondo. Nei prossimi 10 anni le auto faranno il 10% dei tragitti in meno, perché l’aumento della sharing economy, della multimodalità e dei veicoli autonomi, oltre all’invecchiamento della popolazione, ridurranno drasticamente il bisogno di possedere un’automobile propria. Entro il 2030, quindi, le modalità di trasporto green rappresenteranno il 49% del totale degli spostamenti effettuati nelle città, contro il 46% dell’uso delle automobili, attualmente usate nel 51% dei viaggi. Lo rivela Mobility Future, lo studio di Kantar presentato al UN-Habitat World Urban Forum di Abu Dhabi

Dal car sharing alla bicicletta

L’uso dei taxi, di corse condivise, come il car sharing o il ride hailing, che permette di salire a bordo di un veicolo già in circolazione e condividere parte del tragitto con altri viaggiatori, insieme ad altre modalità di trasporto, rappresenteranno il restante 5% sul totale degli spostamenti effettuati nelle città.

La bicicletta è sulla buona strada per diventare il mezzo di trasporto con la più rapida crescita, considerando un incremento previsto del 18% da ora fino al 2030. La scelta di muoversi a piedi, invece, crescerà del 15%, così come si prevede un aumento del 6% nell’utilizzo dei mezzi pubblici. Queste nuove abitudini di mobilità sono sostenute da vari progetti a livello globale, come l’estensione delle piste ciclabili, l’implementazione dei sistemi di sharing, i progetti di pedonalizzazione e miglioramento del trasporto pubblico.

Circa 36,7 milioni di cittadini cambieranno le abitudini di trasporto

Secondo Kantar, stando alle 31 città coinvolte nell’indagine, circa 36,7 milioni di cittadini cambieranno le abitudini di trasporto nei prossimi 10 anni. Manchester è la città dove si terrà il più grande cambiamento in termini di mezzi di trasporto usati, seguita da Mosca e da San Paolo.La ricerca ha evidenziato poi come il 40% delle persone, globalmente, siano aperte all’idea di usare soluzioni di trasporto più innovative. Ma non tutte le città sono preparate a una trasformazione radicale della mobilità. Le città più pronte dal punto di vista tecnologico, in base al livello di disponibilità a condividere i propri veicoli, Pil e diffusione delle strutture per pagamenti digitali, sono risultate Amsterdam, Londra e Los Angeles.

Milano al 6° posto del Transforming cities Index

Milano è destinata a diventare una delle città che più si rinnoverà dal punto di vista dei trasporti, classificandosi al 6° posto del Transforming cities Index. E da oggi al 2030 saranno 552.000 i residenti che cambieranno le proprie abitudini di spostamento, il 17% della popolazione. La bicicletta sarà il ​​mezzo di trasporto in più rapida crescita, anche se il sistema di mobilità attuale di Milano è ancora dominato dal trasporto pubblico e dalle singole auto private. Tuttavia, i venti del cambiamento possono già essere avvertiti. Molti milanesi infatti già utilizzano mezzi di trasporto alternativi, e dichiarano di auspicare a un mix più ampio di alternative eco-sostenibili.

Google Maps compie 15 anni, prossima sfida l’indirizzo digitale

Lanciata l’8 febbraio 2005 Google Maps festeggia quest’anno il suo quindicesimo compleanno. Al suo attivo conta ormai un miliardo di utenti, oltre 220 paesi mappati nel mondo, il monitoraggio del traffico, le informazioni sul trasporto pubblico, le recensioni dei ristoranti, ma anche accuse di violazione della privacy. Dal giorno del suo lancio sui computer ora è approdata a milioni di smartphone, ed è diventata un terreno fertile per testare l’Intelligenza artificiale. Tra gli obiettivi futuri di Google Maps c’è infatti quello di dare un indirizzo digitale alle persone che non ne hanno uno fisico.

L’AI porta l’alta qualità nelle informazioni locali

L’AI “È una delle prossime frontiere di Maps – spiega Sundar Pichai, Ceo di Alphabet e di Google – con un indirizzo digitale miliardi di persone saranno in grado di accedere a servizi bancari e di emergenza, ricevere posta e consegne personali e aiutare le persone a sponsorizzare le proprie attività. È ancora all’inizio ma siamo entusiasti del potenziale”.

“Vi ricordate cosa erano le mappe quindici anni fa? – commenta Jen Fitzpatrick, Senior Vice President di Google Maps -. Mi torna alla mente un viaggio fatto in Europa con tutte quelle cartine enormi. Le principali scoperte nell’Intelligenza artificiale ci hanno aiutato a portare più rapidamente informazioni locali di alta qualità in più parti del mondo”, spiega l’ingegnere.

Con il 67% del mercato monopolizza il settore

Grazie all’apprendimento automatico sono stati tracciati i contorni degli edifici, come mai nei dieci anni precedenti, oppure sono stati riconosciuti i numeri di case e strade scritte a mano, come è accaduto in Nigeria, difficili da vedere anche per chi passa al volante. Forse è per questo che nel corso degli anni Google Maps ha praticamente monopolizzato il settore. Con una quota di mercato del 67%, è seguita a distanza da Waze, con il 12% (sempre di proprietà di Google), Apple Maps, con l’11%, e MapQuest (8%, dati The Manifest del 2018).

Non solo mappe e indicazioni stradali

Dal giorno della sua nascita Google Maps non offre più solo mappe o indicazioni stradali. In 15 anni sono state raccolte 170 milioni di immagini, tra cui il Monte Bianco, il parco Yosemite e la fioritura dei ciliegi a Tokyo. E tra le opzioni di Maps più suggestive c’è Earth, che attualmente offre oltre 36 milioni di miglia quadrate di immagini satellitari ad alta definizione, ma anche Street View, che offre viste panoramiche a 360 gradi di strade e luoghi, riporta Ansa.

Negli anni passati a mettere in difficoltà il popolare servizio sono state però le accuse di violazione della privacy da parte di chi è finito nell’app a sua insaputa.

Di recente, inoltre, l’artista Simon Weckert è riuscito a ingannarne gli algoritmi, portando 99 telefoni a spasso per le vie di Berlino, tutti con l’app avviata. L’alta concentrazione di telefoni e l’incedere lento ha fatto credere alle Mappe di Big G che le vie fossero intasate. E l’artista ha “caricato” l’esperimento-provocazione su YouTube. 

Natale sostenibile per l’78% degli italiani

Quest’anno la spesa natalizia sarà all’insegna della sostenibilità ambientale per il 78% degli italiani. La maggioranza degli italiani sembra infatti preferire solo piatti preparati con l’acquisto di prodotti alimentari sostenibili per la tavola dei giorni di festa. Tra i motivi di questa scelta, il 36% afferma di considerare i benefici per la propria salute, mentre il 23% dichiara di voler contribuire al benessere degli animali. Lo ha scoperto lo studio European Food Responsibility Study, realizzato da Ibm e Morning Consult, sulle scelte e i comportamenti di consumo durante le ricorrenze di fine anno. Si tratta di un’analisi che ha coinvolto Italia, Spagna e Regno Unito, ed è stata finalizzata a rilevare il grado di conoscenza, le abitudini e la sensibilità dei consumatori in materia ambientale e alimentare.

Un carrello della spesa attento alla provenienza degli alimenti

Per quanto riguarda il carrello della spesa degli italiani, secondo la ricerca l’88% tende a porre maggiore attenzione alla provenienza degli alimenti, in particolare per quanto riguarda l’origine etica e responsabile. Gli analisti segnalano ancora che il 63% dei consumatori non si lascia scoraggiare da un innalzamento dei prezzi di acquisto, se questi sono indice di una provenienza responsabile del cibo, riporta una notizia Ansa.

No allo spreco alimentare, si alla tracciabilità con la blockchain

Alta è anche l’attenzione per il tema degli sprechi alimentari (75%) con un 53% che ha affermato di prediligere l’acquisto presso catene della distribuzione che adottano iniziative volte a ridurre lo spreco alimentare. Tra i prodotti che renderebbero più probabile l’acquisto di un articolo ci sono quelli con le etichette biologiche o non Ogm. Ma la ricerca rileva anche l’attenzione dei consumatori verso la tracciabilità, con 9 intervistati su 10 che ritengono molto o relativamente prezioso disporre di alimenti tracciabili attraverso la blockchain.

Un albero vero e non in plastica salvaguarda il suolo

Relativamente alla salvaguardia del suolo più dell’80% dei consumatori ha espresso ”preoccupazione per il degrado del suolo”, e tre quarti degli intervistati hanno dichiarato di essere disponibili a pagare di più per prodotti alimentari coltivati in terreni sostenibili. A Natale, ricorda inoltre Confagricoltura, acquistare alberi veri, quelli naturali e non in plastica, ”è una scelta sostenibile perché fa bene all’ambiente, alla salute ed è di sostegno ai comparti florovivaistico e boschivo, essenziali per l’economia nazionale. Gli abeti, di varietà pregiate come il rosso o il bianco – continua Confagricoltura – provengono da coltivazioni specializzate o da cime derivanti da potature o sfoltimenti, indispensabili per la salute dei boschi”.

Studenti, la passione guida la scelta del percorso di studi

“Cosa vuoi fare da grande?” è la domanda che tutti i giovani si sono sentiti porre dal primo giorno di scuola. La necessità di trovare una risposta, però, diventa impellente in zona maturità, quando sì, davvero, bisogna decidere come programmare il proprio futuro. A sorpresa, soprattutto in tempi difficili sotto il profilo occupazionale come sono questi anni, si scopre che i giovani quando devono scegliere il percorso di studi seguono la passione personale. I ragazzi quindi vogliono formarsi su ciò che amano e sono ancora pochi quelli che scelgono in base alle prospettive occupazionali. Questa “fotografia” emerge dall’indagine online di Studenti.it che ha posto alcune domande ai suoi utenti su “cosa pensano i giovani della formazione post scolastica”.

Una scelta di “pancia” e di “cuore”

Quanto sia di cuore più che di testa la decisione dei giovani italiani si evince dalle risposte alla domanda “qual è il criterio che guiderà o ha guidato la scelta del tuo percorso accademico?”. Infatti, ben il 49% degli intervistati sceglie  “di pancia”, con molto distacco rispetto alla risposta successiva, ovvero in base alle richieste del mondo del lavoro, il 19%. A distanza, per l’8% dei rispondenti conta la sede dell’Ateneo mentre solo un 5% si affida ai consigli di parenti e amici.

Le alternative alla formazione universitaria

Quali sono invece le possibili alternative al percorso universitario? Competenze certificate e più possibilità di apprendistato. Quando si chiede agli studenti quali potrebbero essere le alternative allo studio post maturità il 33% vorrebbe un sistema per certificare le proprie competenze e il 29% più apprendistato durante la scuola. Tuttavia il 38% insiste comunque per il rinnovamento del sistema accademico (da allineare alle esigenze del mercato del lavoro). L’orientamento c’è ma bisogna fare di più per 6 studenti su 10. I ragazzi, infatti, lamentano una mancanza di  informazioni e di strumenti efficaci per scegliere al meglio.

Il lavoro dei sogni

Per concludere, qual è il lavoro dei sogni per i ragazzi italiani? La maggior parte degli studenti, il 24,2%, ha manifestato il desiderio di lavorare in proprio o, per il 21,4%, di essere parte di una grande azienda. Il 13,1% sceglie un impiego nella pubblica amministrazione mentre solo l’8,6% vorrebbe inserirsi nel mondo delle startup. Infine, per quanto riguarda la ricerca di opportunità anche lavorative i giovani scelgono in gran parte il web (32% degli intervistati), mentre il 27% si affida al parere dei professori, a scuola o in università. Circa uno su quattro (il 22%) si fa aiutare da familiari e amici mentre il 9% si affida alla comunicazione di istituzioni e aziende.

Ridurre i consumi dei condizionatori si può. Ecco i consigli degli esperti

Arriva il grande caldo e scatta l’interruttore dei condizionatori, ma se la casa è più fresca le bollette si surriscaldano. Per ottimizzare il rinfrescamento della casa salvaguardando comfort e portafogli ENEA fornisce 10 consigli pratici che permettono di ottenere benefici ambientali, e risparmi fino al 7% sul totale della bolletta elettrica. Prima di tutto attenzione alla classe energetica del condizionatore. Sono infatti da preferire i modelli in classe energetica A o superiore, che comportano un risparmio sulla bolletta elettrica e una riduzione delle emissioni di CO2. Ancora meglio se la tecnologia è inverter, che adegua la potenza del climatizzatore all’effettiva necessità riducendo i cicli di accensione e spegnimento.

Attenzione al posizionamento e all’umidità

Per l’acquisto di un climatizzatore a pompa di calore, se destinato a sostituire integralmente o parzialmente il vecchio impianto termico, si può usufruire del bonus casa, dell’ecobonus, e del Conto termico 2.0. Ma attenzione alla posizione: in fase di installazione, è importante collocare il climatizzatore nella parte alta della parete ed evitare di posizionarlo dietro divani o tende.

Non raffreddare però troppo l’ambiente e attenzione all’umidità. Due o tre gradi in meno rispetto alla temperatura esterna sono sufficienti. Spesso per scongiurare la sensazione di caldo opprimente può essere sufficiente l’attivazione della funzione deumidificazione, perché l’umidità presente nell’aria, riporta Italpress, fa percepire una temperatura molto più elevata di quella reale.

Chiudere le finestre e coibentare i tubi del circuito esterni

Ogni stanza poi ha bisogno del suo climatizzatore, e non lasciare porte e finestre aperte. Il climatizzatore rinfresca e deumidifica l’ambiente in cui è installato trasferendo il calore e l’umidità all’esterno. L’ingresso nella stanza di nuova aria calda obbliga l’apparecchiatura a compiere un lavoro supplementare per riportare la temperatura e l’umidità ai livelli richiesti, con il conseguente dispendio di energia. Serve poi coibentare i tubi del circuito refrigerante all’esterno dell’abitazione. Se esposti direttamente ai raggi solari rischiano di danneggiarsi. Inoltre è opportuno assicurarsi che la parte esterna del climatizzatore non sia esposta completamente al sole e alle intemperie.

Usare la funzione e occhio alla pulizia dei filtri

Usare il timer e la funzione “notte” per ridurre al minimo il tempo di accensione dell’apparecchio. Inoltre, evitare di lasciare il climatizzatore acceso per l’intera giornata, ma solo quando si è presenti in casa.

E occhio alla pulizia e alla corretta manutenzione. I filtri dell’aria e le ventole devono essere ripuliti alla prima accensione stagionale, e almeno ogni due settimane, perché si tratta del luogo dove si annidano frequentemente muffe e batteri dannosi per la salute. Come il batterio della legionella, che può essere mortale. È importante inoltre controllare la tenuta del circuito del gas.

Luglio 2019, bollette gas in calo del 6,9%, in aumento dell’1,9% per l’elettricità

Quando arrivano le bollette per le utenze per quasi tutti gli italiani è un momento di shock. A mitigare questo brutto momento, però, arriva una parziale buona notizia. Ovvero, da luglio 2019 ci sarà un sensibile calo delle bollette del gas mentre quelle dell’elettricità registreranno un lievissimo aumento.

Trend positivo per gli utenti anche per i prossimi tre mesi

Come sottolinea  l’Autorità per l’Enercia (Arera), dopo i decisi ribassi del trimestre scorso, anche nei prossimi tre mesi per i consumatori si conferma un andamento complessivamente favorevole delle bollette dell’energia per i clienti in tutela. Dal 1° luglio 2019, infatti, per la famiglia tipo 1 si registra un deciso calo per le bollette del gas (-6,9%) e un leggero incremento per quelle dell’elettricità (+1,9%), che intacca solo in parte il calo dei tre mesi precedenti (-8,5%). In ogni caso, si tratta di un trend favorevole per i consumatori,  specie in concomitanza con l’inizio della stagione estiva, momento in cui si mettono in funzione gli impianti di raffrescamento. Gli aggiornamenti sono prevalentemente legati ai previsti andamenti nel prossimo trimestre dei prezzi delle materie prime nei mercati all’ingrosso dell’energia, nazionali ed internazionali.

Le ragioni dell’aumento e del decremento

Per l’energia elettrica il piccolo aumento è da attribuirsi alla combinazione di un aumento dei costi di acquisto dell’elettricità, attenuato da un lieve aggiustamento in riduzione degli oneri generali che, dopo le azioni di recupero delle manovre del 2018 a tutela dei consumatori concluse con il precedente aggiornamento, tornano ora a seguire percorsi di adeguamento “ordinari”. “Per quanto riguarda l’energia elettrica, infatti, l’aggiornamento, valido dal prossimo 1° luglio, è determinato da un aumento della componente a copertura della spesa per la materia energia (+2,65%), parzialmente ridotto da un calo di quella per gli oneri generali (-0,75%)” precisa una nota ripresa da askanews. Scende invece il prezzo del gas. Per questa tipologia di energia l’andamento è sostanzialmente determinato per intero dalla riduzione della spesa per la materia prima (-6,9% sulla spesa della famiglia tipo), legata alle quotazioni stagionali attese nei mercati all’ingrosso nel prossimo trimestre.

Energia, quanto mi costi?

Le spese a carico delle famiglie, al lordo delle tasse? Nel periodo compreso tra il 1° ottobre 2018 e il 30 settembre 2019 la quota per l’energia elettrica sarà di 566 euro, mentre nello stesso periodo l’esborso della famiglia tipo per la bolletta del gas sarà di circa 1.150 euro.

Vacanze fra donne: come e dove viaggiano le ragazze

Le ragazze di tutte le età non hanno paura di viaggiare sole, anzi. Insomma, la compagnia maschile non sempre è richiesta nè tantomeno necessaria: bastano le amiche, la mamma o anche nessuno. Un dato su tutti: le viaggiatrici solitarie (le cosiddette solo traveller), secondo gli ultimi dati Istat, in Italia sono ben 1,4 milioni. Ma cosa si aspettano da queste vacanze al femminile e dove vanno? Quali sono mode, modi e mete del viaggiare “in rosa? Alla domanda risponde una ricerca di CartOrange, la più grande azienda italiana di consulenti di viaggio. “Oggi per noi è sempre più frequente creare viaggi su misura per donne che viaggiano da sole o in compagnia di altre donne, e questo a qualsiasi età” spiega Eleonora Sasso del reparto marketing. “C’entrano fattori sociali come il superamento di vecchi retaggi culturali, l’aumento del potere d’acquisto delle donne, l’allungarsi della vita attiva, il cambiamento delle situazioni familiari. Ma c’entra anche la tendenza a considerare sempre di più il viaggio come un’esperienza, un regalo da fare a se stesse, da godere da sole oppure assieme a compagne con gusti ed esigenze simili”.

Poco tempo da riempire di esperienze

Per questo target, però, “Bisogna entrare subito nel vivo delle aspettative delle clienti che sono molto informate e consapevoli. Spesso hanno poco tempo a disposizione per il “fai da te” e quindi ricercano l’aiuto dei consulenti di viaggio, in grado di arricchire la proposta con esperienze particolari: corsi di cucina locale, percorsi benessere e i consigli per uno shopping autentico e ricercato sono i plus più apprezzati” precisa Sasso.

Le mete preferite

Come dicevamo, sono tante le donne he partono in solitario. Le proposte non hanno virtualmente limiti, ma un occhio in più va riservato alla sicurezza: «Fornitori affidabili, possibilità di avere assistenza h24 e cura nella scelta delle destinazioni sono gli elementi che garantiscono la serenità”spiega Eleonora Sasso. “Canada e Giappone, paesi di per sé molto sicuri, sono ideali soprattutto se è la prima volta che si viaggia da sole, mentre fra le più esperte i più richiesti sono India e paesi del Sudest Asiatico: Thailandia, Malesia e Indonesia su tutti”. Per le donne che viaggiano in compagnia di altre donne sono consigliate una serie di mete dove unire benessere, divertimento e shopping. “In Europa c’è l’imbarazzo della scelta: le capitali, il Tirolo austriaco con percorsi yoga e benessere, oltre alle isole greche e alle Baleari per unire sole e divertimento. In particolare Ibiza, con la sua città vecchia e le sue spiagge, si presta a una vacanza di pochi giorni offrendo sole, mare, locali di tendenza e occasioni di shopping originale e alla moda». Più a lungo raggio la meta consigliata è Dubai: “È sicura e ha molte attrattive che uniscono antico e moderno: dallo shopping griffato ai tatuaggi all’henné tradizionali, fino alle lussuose spa. È consigliabile anche per i locali notturni, da cui si può rientrare in hotel in sicurezza prendendo i taxi dal tetto rosa, dedicati alla clientela femminile e guidati da sole donne” conclude Sasso.

Mangiare carboidrati di sera non fa ingrassare

Non è vero che mangiare pasta, riso o pane di sera fa ingrassare. Non conta infatti “quando” si mangino i carboidrati, ma piuttosto “quanti”. E di conseguenza, di quante calorie totali si compone la nostra dieta quotidiana. Almeno, questo è il parere degli esperti dell’Istituto superiore di sanità (Issalute.it), secondo i quali per un’alimentazione equilibrata è importante non mangiarne pane, pasta e riso più del dovuto, e stare attenti a consumarli in porzioni adeguate al proprio fisico, all’età e all’attività fisica svolta. Ovviamente è sempre bene evitare i condimenti elaborati, ricchi di grassi e difficili da digerire.

Cronodieta e pasti serali

La cosiddetta “cronodieta” è al centro di diverse ricerche scientifiche, che mirano a comprendere come le oscillazioni ormonali che si verificano durante la giornata possano avere una relazione con l’utilizzo dei nutrienti introdotti con l’alimentazione, e come questa relazione giochi un ruolo importante nell’aumento e nella perdita di peso. Un argomento, questo, molto più generale rispetto al concentrarsi sul solo consumo di carboidrati durante il pasto serale. Ciò che è invece importante è non consumare a tarda sera pasti troppo abbondanti, soprattutto ricchi in grassi, poiché l’energia in eccesso acquisita prima di andare a letto viene più difficilmente bruciata. E ha maggiori probabilità di essere accumulata sotto forma di grasso corporeo.

Il consumo energetico durante il sonno non è così diverso da un’attività sedentaria

L’opinione comune, diffusa soprattutto tra gli sportivi, di non assumere carboidrati a cena, nasce principalmente dall’errata convinzione che se assunti prima di andare a dormire, e in assenza di grosse attività fisiche, questi aumentino le probabilità di essere trasformati in grasso. È bene sottolineare che il consumo energetico durante il sonno non è poi così diverso da quello di un’attività mattiniera sedentaria, come lo stare seduti a una scrivania o davanti a un computer. Anzi, per chi la notte ha difficoltà a dormire, riferisce AdnKronos Salute, una cena a base di carboidrati sembra possa favorire il riposo notturno. Poiché stimola la produzione di serotonina (l’ormone del benessere) utile per andare a dormire più rilassati e sazi.

A contare sono le calorie totali

Insomma, se si mangia più del necessario l’aumento di grasso corporeo è indipendente dalla composizione della dieta: a contare sono le calorie totali. Una corretta quantità di calorie calcolata sul fabbisogno energetico personale, e distribuita nelle giuste percentuali di nutrienti, non determina un aumento di peso, indipendentemente dal momento in cui vengono consumati alcuni alimenti. Chiaramente, la quantità di carboidrati da assumere ogni giorno varia da persona a persona, e generalmente, dovrebbe ammontare circa al 45-60% delle calorie giornaliere assunte.

Un’altra fake news alimentare smontata dagli esperti dell’Iss è che l’acqua non vada bevuta durante i pasti. Al contrario: bere acqua durante i pasti in giusta quantità (non oltre i 600-700 ml) serve infatti a migliorare la consistenza degli alimenti ingeriti, svolgendo un ruolo importante nella digestione.

Umani e robot alleati nelle competenze del futuro

I robot non ruberanno il lavoro agli esseri umani, anzi. L’innovazione sarà fonte di nuova occupazione. Oltre il 90% delle imprese, infatti, non prevede di diminuire la propria forza lavoro, ma di mantenerla inalterata, o addirittura aumentarla. Il vero tema infatti non riguarda tanto la sostituzione dei robot alle persone, ma quali saranno le competenze del futuro, e quale strada seguirà l’innovazione delle competenze.

Si tratta di alcuni risultati della ricerca Humans Wanted: Robots Need You, condotta su oltre 20mila imprese in 44 Paesi, e presentata da ManpowerGroup in occasione del lancio di Assessment Lab, il laboratorio scientifico creato dalla società per riuscire a utilizzare al meglio le tecnologie di valutazione delle competenze.

“L’innovazione tecnologica è innanzitutto una rivoluzione umana”

Assessment Lab, riferisce Askanews, è guidato da un team di psicologi ed esperti del lavoro e ha l’obiettivo di combinare le cosiddette hard skills, ossia le competenze tecniche con quelle soft, ossia trasversali, riporta Askanews. “Non c’è dubbio che l’innovazione tecnologica sia innanzitutto una rivoluzione umana – ha spiegato Riccardo Barberis, amministratore delegato di ManpowerGroup -. Noi sappiamo che usando metodi scientifici, come oggi la tecnologia di assessment permette, la probabilità di scegliere la persona giusta per il ruolo giusto passa dal 50% all’80%. Noi vogliamo investire su questo, perché pensiamo sia importante per le persone e per le aziende”.

“Il valore aggiunto riguarda la conoscenza delle persone”

“Oggi trovare le persone è molto facile, chiunque con un accesso internet può trovare chiunque altro. Tutta la differenza e il valore aggiunto – ha sottolineato Riccardo Barberis – hanno a che fare con il conoscere le persone. Per questo credo che stiamo vivendo tempi molto interessanti, perché la convergenza di scienza e tecnologia ci può aiutare a conoscere molto bene le persone, anche attraverso interazioni molto rapide”.

Il lavoro dovrà convivere con la tecnologia più avanzata e la robotica

“Una delle più grandi opportunità per le Risorse umane – ha aggiunto Tomas Chamorro-Premuzic, Chief Talent Scientist di ManpowerGroup – è mettere insieme la scienza che consente di identificare le potenzialità con la pratica e l’arte di preparare le persone. Nel passato erano due settori completamente separati, ora sappiamo che è possibile preparare molto meglio le persone se si insiste sulle loro reali potenzialità”.

Il futuro tratteggiato dalla società è quindi un futuro in cui il lavoro continuerà a esistere, convivendo con la tecnologia più avanzata e la robotica.

Arriva l’ecotassa. Ecco quali veicoli saranno soggetti al bonus o al malus

Arriva l’ecotassa: la misura ambientalista entrerà in vigore dal 1° marzo, e sarà valida per oltre due anni, fino al 31 dicembre 2021. Studiata su un sistema di bonus/malus, la tassa comporterà l’ecobonus, che prevede incentivi fino a 6.000 euro per chi acquista un’auto ecologica in seguito alla rottamazione di un vecchio veicolo. Ma soprattutto un “malus” fino a 2.500 euro, per chi ne acquisterà una considerata inquinante.

Malus fino a 2.500 euro e bonus dai 1.500 euro fino ai 6.000

Il malus, cioè l’ecotassa, sarà dovuto sotto forma di imposta parametrata al numero di grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro, eccedenti la soglia di 160co2 g/km. L’imposta è dovuta anche da chi immatricola in Italia un veicolo di categoria M1 già immatricolato in un altro Stato. Una stangata sull’acquisto di un veicolo, quindi, che potrà arrivare a costare fino a 2.500 euro al guidatore. Il bonus verrà invece erogato sotto forma di contributo a chi acquista e immatricola in Italia un veicolo M1 nuovo di fabbrica, la stessa categoria “penalizzata” se prodotta all’estero, con un prezzo risultante dal listino della casa automobilistica produttrice inferiore a 45.000 euro, Iva esclusa. Lo sconto varia dai 1.500 euro fino ai 6.000.

Due fasce di applicazione

Forti benefici dall’ecobonus, persino per l’esclusiva Tesla, ma nessuno per vetture italiane,  cioè del gruppo FCA. In ogni caso, l’elenco delle auto che godranno dei benefici previsti dal meccanismo bonus-malus per la riconversione del parco auto è lungo. Lo sconto inoltre verrà applicato direttamente all’acquirente, che sarà condizionato alla rottamazione di una vettura inquinante. Il meccanismo prevede due fasce di applicazione. Nella prima ricadono le auto elettriche pure, le uniche che possono vantare un livello di emissioni inferiore ai 20 grammi di CO2 per km. In questo caso l’incentivo prevede uno sconto di 4000 euro che salgono a 6000 euro se si rottama una vecchia vettura.

Escluse dal bonus le vetture che costano più di 66 mila euro

Il decreto, riporta Adnkronos, fissa il prezzo massimo entro il quale è possibile erogare il bonus a 50 mila euro più Iva. Che, considerando l’Iva al 22%, significa escludere tutte le vetture che costano più di 66 mila euro. Una somma che non rende di sicuro la Tesla 3 un’auto popolare, ma sulla quale i fortunati acquirenti potranno anche qui godere di uno sconto pari circa al 10%.

Meno appetibili, ma comunque graditi, gli incentivi per la seconda fascia, che include le vetture con emissioni tra 21 e 70 g/km di CO2. Qui il bonus è inferiore, e va da 2.500 euro (con rottamazione) a 1.500 (senza), sempre con il tetto dei 50 mila euro di listino, Iva esclusa.