Lavoratori in malattia: il settore privato supera il pubblico

Qualcosa è cambiato: nel rapporto fra pubblico e privato il secondo supera il primo per numero di lavoratori in malattia. Secondo quanto riporta l’Osservatorio dell’Inps, nel terzo trimestre del 2018 sembra che i lavoratori in malattia siano in aumento nel settore privato e in diminuzione in quello pubblico. I primi infatti segnano un +6,8%, contro il calo del -3,1% dei secondi.

Anche a livello territoriale si rileva una sorta di inversione di tendenza: l’aumento del numero di certificati nel settore privato è prevalente al Sud (+7,9%), mentre nel settore pubblico la diminuzione risulta più consistente al Nord (-5,5%).

A dicembre 2017 oltre 13,5 milioni di lavoratori ammalati

Più in particolare, nel mese di dicembre 2017 il numero di lavoratori dipendenti interessati al controllo d’ufficio dello stato di malattia da parte dell’Inps è stato di 13,7 milioni, di cui 2,8 nel settore pubblico e 10,9 nel settore privato.

All’aumento del numero dei certificati nel settore privato corrisponde però una crescita meno che proporzionale del numero dei giorni di malattia (+4,9%), mentre nel settore pubblico alla diminuzione del numero dei certificati si osserva un decremento più che proporzionale dei giorni di malattia (-7,3%).

Il numero medio di giornate di malattia è stabile in entrambi i settori

Il numero medio dei certificati dei lavoratori, sia nel settore pubblico sia in quello privato, rimane invece stabile, ed è rispettivamente di 3 e 2 certificati ogni 10 lavoratori. L’Inps precisa che qualsiasi confronto sul numero di certificati tra il settore pubblico e privato va sempre interpretato tenendo conto della diversa struttura per età dei lavoratori e della diversa normativa di riferimento. Il numero medio di giornate di malattia per lavoratore con almeno un giorno di malattia rimane stabile per il settore privato, ed è pari a 11,6 giorni, mentre scende lievemente per il settore pubblico, da 11,5 a 11,3 giorni.

Visite mediche di controllo: 129 mila nel privato e 84 mila nel pubblico

Sempre nel terzo trimestre 2018, per quanto riguarda l’attività di verifica dello stato di malattia, in termini relativi il numero di visite è risultato pari a 119 ogni mille certificati per il settore pubblico del Polo unico rispetto alle 52 visite del settore privato. Questo, riferisce Adnkronos, nonostante la notevole differenza in termini assoluti del numero di visite mediche di controllo effettuate, pari a 129 mila nel settore privato e 84 mila di quello pubblico.

Nel settore pubblico la maggior parte delle visite sono effettuate su richiesta dei datori di lavoro, e solo il 20% sono disposte d’ufficio. Nel settore privato il 65% delle visite mediche di controllo sono invece disposte d’ufficio.

Condividi articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin