Nel 2020 l’export agroalimentare raggiungerà 46-47 miliardi

Nel 2020 sarà quasi sfiorato l’obiettivo di raggiungere i 50 miliardi di export agroalimentare italiano fissato per Expo 2020. Proiezioni attendibili indicano infatti una soglia probabile a 46-47 miliardi di euro. Nonostante l’ultimo decennio il nostro Paese abbia perso oltre 12 punti di Pil pro-capite rispetto alla media Ue, passando dal 107% del 2008 al 95% del 2017, la filiera agroalimentare italiana nel 2018 ha raggiunto un peso vicino ai 200 miliardi di fatturato, di cui 140 miliardi imputabili all’industria alimentare, e 55 miliardi al primario. Stimando il Pil 2018 attendibilmente sui 1.750 miliardi, la filiera agroalimentare ne copre quindi oltre l’11%.

Una crescita di oltre il 3% nel 2018

Nel 2018 l’export dell’industria alimentare si attesta su una crescita di oltre il 3%, a 33 miliardi di euro circa “meno della metà del 2017 – spiega Luigi Scordamaglia, numero uno della neonata Filiera Italia – ma si tratta pur sempre di un dato molto positivo visto il contesto: i mercati esteri hanno importato meno e l’Italia ha fatto comunque meglio di Francia e Germania”.

Particolarmente positivo il mese di ottobre 2018, che ha messo a segno un aumento del 9,8% rispetto allo stesso mese del 2017, riportando il trend progressivo dei dieci mesi al +3,4%.

La nota dolente arriva dal mercato interno

La nota dolente, riferisce Askanews, arriva dal mercato interno. Le vendite continuano ad arrancare, e secondo le ultime rilevazioni Istat sui primi dieci mesi del 2018 si registra un +0,8% in valore e un -0,5% in volume. Anche in questo caso un ottobre positivo ha migliorato i progressivi dei nove mesi (+0,7% in valore e -0,7% in volume), ma considerato il contesto nazionale e internazionale è difficile che l’anno in corso faccia meglio del 2018.

La velocità di uscita lasciata in eredità dalla filiera in chiusura d’anno, però, è incoraggiante. “L’ipotesi più probabile – continua Scordamaglia – è il consolidamento dei trend, con produzione alimentare attorno al +1,0%, export attorno al +3-4%, con tuttavia una perdurante stagnazione del mercato interno”.

Una filiera che in Italia occupa 1,385 milioni di addetti

Che il comparto agroalimentare sia uno dei pilastri dell’economia italiana lo testimonia il fatto che la filiera nel 2018 ha raggiunto un peso prossimo ai 200 miliardi di fatturato. Non solo, la filiera occupa in Italia 1,385 milioni di addetti, di cui 919.000 in agricoltura e 465.000 nell’industria (dati 2017), incidendo complessivamente per il 5,5% su tutti gli occupati in Italia. Il dato sull’occupazione dell’agricoltura in Italia è in netta controtendenza con quello della media Ue, con una crescita di circa il 3% nel periodo 2013/2017 rispetto ad una riduzione degli addetti Ue del -7%. Un settore quindi di sempre maggiore occupazione futura e giovanile, e che nei prossimi anni farà fatica a soddisfare la propria domanda di lavoratori.

Condividi articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin