Umani e robot alleati nelle competenze del futuro

I robot non ruberanno il lavoro agli esseri umani, anzi. L’innovazione sarà fonte di nuova occupazione. Oltre il 90% delle imprese, infatti, non prevede di diminuire la propria forza lavoro, ma di mantenerla inalterata, o addirittura aumentarla. Il vero tema infatti non riguarda tanto la sostituzione dei robot alle persone, ma quali saranno le competenze del futuro, e quale strada seguirà l’innovazione delle competenze.

Si tratta di alcuni risultati della ricerca Humans Wanted: Robots Need You, condotta su oltre 20mila imprese in 44 Paesi, e presentata da ManpowerGroup in occasione del lancio di Assessment Lab, il laboratorio scientifico creato dalla società per riuscire a utilizzare al meglio le tecnologie di valutazione delle competenze.

“L’innovazione tecnologica è innanzitutto una rivoluzione umana”

Assessment Lab, riferisce Askanews, è guidato da un team di psicologi ed esperti del lavoro e ha l’obiettivo di combinare le cosiddette hard skills, ossia le competenze tecniche con quelle soft, ossia trasversali, riporta Askanews. “Non c’è dubbio che l’innovazione tecnologica sia innanzitutto una rivoluzione umana – ha spiegato Riccardo Barberis, amministratore delegato di ManpowerGroup -. Noi sappiamo che usando metodi scientifici, come oggi la tecnologia di assessment permette, la probabilità di scegliere la persona giusta per il ruolo giusto passa dal 50% all’80%. Noi vogliamo investire su questo, perché pensiamo sia importante per le persone e per le aziende”.

“Il valore aggiunto riguarda la conoscenza delle persone”

“Oggi trovare le persone è molto facile, chiunque con un accesso internet può trovare chiunque altro. Tutta la differenza e il valore aggiunto – ha sottolineato Riccardo Barberis – hanno a che fare con il conoscere le persone. Per questo credo che stiamo vivendo tempi molto interessanti, perché la convergenza di scienza e tecnologia ci può aiutare a conoscere molto bene le persone, anche attraverso interazioni molto rapide”.

Il lavoro dovrà convivere con la tecnologia più avanzata e la robotica

“Una delle più grandi opportunità per le Risorse umane – ha aggiunto Tomas Chamorro-Premuzic, Chief Talent Scientist di ManpowerGroup – è mettere insieme la scienza che consente di identificare le potenzialità con la pratica e l’arte di preparare le persone. Nel passato erano due settori completamente separati, ora sappiamo che è possibile preparare molto meglio le persone se si insiste sulle loro reali potenzialità”.

Il futuro tratteggiato dalla società è quindi un futuro in cui il lavoro continuerà a esistere, convivendo con la tecnologia più avanzata e la robotica.

Condividi articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin