Gli italiani non rinunciano più al tempo da dedicare agli affetti

Con la pandemia i piccoli e i grandi gesti quotidiani sono cambiati radicalmente. Tra incertezze per il futuro, tante domande e desideri sulla nuova normalità, quasi un italiano su due, il 42%, oggi dà un nuovo valore al tempo per sé e per i propri affetti. Oltre a non essere più disposti a rinunciare al tempo da dedicare agli affetti si aggiungono maggiori esigenze di sicurezza, e più attenzione verso gli altri e verso l’ambiente. Ad esempio, il 17% non sarebbe più disposto a rinunciare ai propri hobby, e il 10% al relax quotidiano.  Questo è il quadro emerso dall’analisi di Ipsos per la NewCo SisalPay5, la società nata alla fine del 2019 dall’unione di SisalPay nel settore dei pagamenti, e di Banca 5 di Intesa Sanpaolo nei servizi bancari di prossimità.

Sentimenti e nuove consapevolezze con cui affrontare la fase di ripartenza

L’analisi traccia una fotografia inedita dei sentimenti e delle nuove consapevolezze con cui gli italiani stanno affrontando la nuova fase di ripartenza del Paese. E da quanto emerge a mancare di più durante la fase di lockdown sono stati i gesti legati alla socializzazione, la vicinanza e il contatto con le persone care, le cene, gli aperitivi e i viaggi. Ma anche quelli legati al sentirsi liberi, come poter decidere di spostarsi liberamente, e alla propria sfera personale e identitaria, ovvero il proprio spazio fisico e mentale, l’indipendenza, l’intimità.

Nuove abitudini di vita e di consumo legate al proprio quartiere

La ricerca ha indagato anche le abitudini legate al canale di prossimità di SisalPay 5, composto da circa 50.000 esercizi, tra tabaccherie, bar, ed edicole. Anche nel periodo di emergenza, con 30mila punti attivi (solo tabacchi ed edicole), il gruppo ha garantito alla comunità di accedere a una gamma di servizi finanziari di base, come prelievi e bonifici, e di pagamento, come bollette, carte prepagate e telefoniche, riporta Askanews. Il ruolo sociale del modello di proximity bank di quartiere si sta rivelando ancor più determinante in questa graduale fase di ripartenza socio-economica. All’interno di questo contesto, infatti, le persone stanno vivendo sempre di più in una dimensione di vicinato, con nuove abitudini di vita e di consumo legate al proprio quartiere. Insomma, sì liberi di muoversi, ma gli italiani non hanno ancora voglia di abbandonare il loro “territorio” fatto di negozi e servizi di prossimità. Senza dimenticare che la micro-impresa e i piccoli esercenti rappresentano un motore vitale nell’economia italiana.

Condividi articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin