Fiere italiane, un settore in salute

Il sistema fieristico italiano non solo tiene, ma dà anche segnali di buona salute. Lo afferma la rilevazione trimestrale sulle tendenze del settore effettuata dall’Osservatorio congiunturale di Aefi per il periodo aprile-giugno 2017. L’indagine, decisamente ampia, ha coinvolto 28 poli fieristici italiani associati Aefi e indica in generale un sentiment di ottimismo e di buone prospettive per il prossimo futuro.

Trend più contenuto

Anche se il trend di crescita sembra essere leggermente più contenuto, gli intervistati forniscono uno scenario in cui l’andamento del fatturato è positivo, sia rispetto al trimestre precedente che all’analogo periodo dell’anno precedente.

Numero di manifestazioni in salita

Per quanto riguarda il numero di esposizioni fieristiche organizzato nel nostro Paese, il saldo si attesta al +14%. Dati positivi, anche se lievemente inferiori rispetto il primo trimestre dell’anno, ma supportati dal buon andamento dell’interesse degli espositori. E’ infatti in aumento anche il numero degli exhibitors: la metà dei 28 poli fieristici coinvolti nell’indagine si dichiara infatti soddisfatto e segnala una crescita di espositori. Per un altro 25% le condizioni sono rimaste stazionarie mentre l’altro 25% registra una diminuzione. In ogni caso, il saldo positivo si attesta al 25%, meglio dei primi tre mesi del 2016.

Ottime performance grazie agli stranieri

Il merito di questi buoni risultati va attribuito in gran parte agli stranieri. In particolare, gli intervistati segnalano un particolare incremento di espositori europei (con un saldo del +36%), seguiti dagli espositori provenienti da Paesi extra EU (saldo +32%). Per quanto riguarda gli italiani, il saldo è più contenuto e si ferma all’11%.

Aumentano anche gli spazi

L’Osservatorio di Aefi parla inoltre di un buon aumento di spazi occupati durante le manifestazioni fieristiche. Il 42,84% degli intervistati ha infatti rilevato un deciso incremento, che si traduce in un saldo del +14%. Anche in questo caso, bisogna dire grazie agli espositori stranieri che hanno maggiormente contribuito all’espansione degli spazi occupati.

Cresce il numero di visitatori

Infine, una buona notizia per il comparto è anche quella che si riferisce ai flussi di visitatori, considerato in aumento dal 50% dei centri coinvolti nell’indagine. Il saldo si attesta al +18% e, al netto della componente stazionaria, è in linea con i risultati registrati nel primo trimestre 2017. I Paesi extra Ue sono quelli che hanno contribuito con maggiore dinamicità all’incremento del numero di visitatori, seguiti dagli europei e infine dagli italiani. Ottime performance, infine, per quanto concerne il fatturato: per oltre il 60% dei quartieri fieristici intervistati è infatti in crescita.

Condividi articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn